Coronavirus Info studenti – FASE 3

Informazioni in costante aggiornamento
18 novembre 2020

Istruzioni per lo svolgimento di tirocini curriculari dei corsi di laurea ed extra-curriculari dei corsi di studio post-lauream

 Scarica il documento

 

12 novembre 2020

Comunicato del Magnifico Rettore

 

Care/i Studentesse e Studenti,

come sapete stiamo vivendo uno dei momenti più drammatici della nostra vita. La pandemia COVID-19, provocata dal virus SARS-CoV-2, continua ad essere presente in tutto il mondo provocando migliaia di ricoveri ospedalieri e di morti. Anche in Italia la curva epidemica della malattia è preoccupante, e il Sistema Sanitario è in gravi difficoltà nel dare risposta adeguata. Tutti dobbiamo fare la nostra parte, contribuendo a prevenire i contagi osservando scrupolosamente le norme igienico-sanitarie consigliate.

L’Unità di Crisi dell’Ateneo ha più volte comunicato le regole da seguire all’interno delle strutture universitarie. Purtroppo, mi sono arrivate diverse segnalazioni di comportamenti non adeguati: non utilizzo o utilizzo scorretto della mascherina, assembramenti, consumo di cibo, non rispetto del distanziamento negli spazi di studio, ecc. Non va bene, questi comportamenti non solo determinano un aumentato rischio di contagio ma contrastano con quella che è la missione educativa e culturale dell’Università, che deve essere promossa non solo dai docenti ma anche dagli studenti.

Sono contrario ad una chiusura generalizzata dell’Università e come Ateneo abbiamo deciso di mantenere per quanto possibile, pur seguendo le disposizioni nazionali, didattica in presenza, accesso alle biblioteche, svolgimento delle attività pratiche e tirocini. Tutto deve, in ogni caso, svolgersi applicando le misure anti contagio. Non vorrei essere costretto, qualora continuassero segnalazioni di comportamenti scorretti, alla chiusura dell’Ateneo per contribuire alla salvaguardia della salute pubblica.

Pertanto, Vi invito caldamente a seguire le norme prescritte dall’Unità di Crisi, assumendo comportamenti consoni al ruolo di studenti universitari. Invito, altresì, i miei colleghi a essere di esempio e di svolgere quella funzione educativa e di controllo che fa parte dei loro compiti istituzionali.

Il Magnifico Rettore

Pier Francesco Nocini

 

5 novembre 2020

Comunicato dell’Unità di Crisi 

A seguito della pubblicazione del DPCM del 04/11/2020, l'Unità di Crisi dell'Ateneo di Verona dispone che:

  1. le attività formative e curriculari di tutti i corsi di Laurea, Dottorato, Master, Corsi di Perfezionamento, e altre attività extra-curriculari siano svolte a distanza, esami compresi. Saranno svolte in presenza, mantenendo la possibilità di accesso da remoto per gli studenti, solo le attività didattiche e gli esami del 1° anno di corso delle lauree triennali, magistrali e magistrali a ciclo unico e le attività esperienziali di tutti gli anni di corso (laboratori didattici ed esercitazioni, compresi i tirocini pratici); tuttavia, nel caso in cui durante le lezioni in aula dovesse essere riscontrata una presenza inferiore a 10 persone, sarà facoltà dei Collegi Didattici concordare con il Rettore il passaggio alla modalità “a distanza” anche per i suddetti corsi. I Presidenti dei Corsi di Studio potranno, altresì, intervenire in situazioni di emergenza, coordinandosi con gli uffici preposti e dando immediata comunicazione al Rettore dei provvedimenti attuati. Nel caso in cui alcune sedi dell’Università di Verona dovessero rientrare tra le zone ROSSE, tutta la didattica erogata presso quelle sedi dovrà proseguire a distanza;
  2. i corsi per i medici in formazione specialistica e le attività dei tirocinanti delle professioni sanitarie e medica possano in ogni caso proseguire sia in modalità in presenza, che in modalità a distanza anche nel caso in cui le sedi dell’Università di Verona dovessero rientrare tra le zone ROSSE;
  3. le aule e gli spazi studio siano a disposizione solo ed esclusivamente degli studenti del primo anno di corso, limitatamente ai periodi di attesa tra una lezione e l’altra, nel caso in cui continui la didattica in presenza. Tale opportunità sarà lasciata alle matricole solo se dimostreranno di rispettare le posizioni disponibili, identificate dall’Ateneo a garanzia del mantenimento del distanziamento, e di utilizzare sempre la mascherina. Si rammenta il divieto di fumare e di pranzare negli spazi universitari;
  4. le sessioni di laurea e di diploma delle scuole di specializzazione, di dottorato, di master, dei corsi di perfezionamento o simili saranno svolte esclusivamente in modalità a distanza; 
  5. siano sospesi i viaggi di istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche;
  6. convegni, congressi ed altri eventi continuino a poter essere svolti solo in modalità a distanza;
  7. le riunioni debbano essere svolte in modalità a distanza, salvo la sussistenza di motivate ragioni; le riunioni degli organi collegiali potranno, invece, essere svolte solo con modalità a distanza;
  8. le biblioteche dell’Università di Verona restino aperte, con le regole di accesso già in vigore, ma con una riduzione dell’orario di apertura, nel rispetto del coprifuoco previsto nel nuovo DPCM. Per questo motivo, gli spazi studio delle biblioteche Frinzi e Meneghetti saranno aperti tutti i giorni della settimana dalle 8.30 alle 19.30;
  9. tutti i Direttori di Dipartimento e Dirigenti di Direzione organizzino il lavoro nelle proprie Strutture in modo da garantire che non siano mai presenti più del 50% delle persone che svolgano attività lavorativa a qualsiasi titolo (docenti, personale TA, CEL, assegnisti, borsisti, dottorandi, studenti 150 ore, contrattisti). Nel caso in cui il Veneto venga classificato come zona ARANCIONE, poiché sarà vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dal territorio salvo che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o per svolgere attività di didattica in presenza, figure che non abbiano un rapporto di lavoro con l’Università non potranno accedervi.
  10. Persone che risiedono nelle zone ROSSE potranno raggiungere le sedi dell’Università di Verona solo per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, o per svolgere attività di didattica in presenza, nei limiti in cui la stessa è consentita.

Si raccomanda di tenersi aggiornati verificando periodicamente la classificazione delle aree in cui ricadono le strutture universitarie e la pubblicazione di eventuali nuovi aggiornamenti da parte dell’Unità di Crisi di Ateneo.

Le disposizioni del presente comunicato entrano in vigore da venerdì 6 novembre fino a nuova disposizione.

 

 

 firmato

Unità di Crisi

29 ottobre 2020

Rinvio prova di ammissione ai corsi di laurea magistrale delle professioni sanitarie

Per ragioni relative al contenimento dell’emergenza sanitaria in corso, con Decreto Ministeriale n. 799 del 28 ottobre 2020, il concorso di ammissione ai corsi di laurea magistrale delle professioni sanitarie è rinviato a data da destinarsi.

La nuova data, tenuto conto dell'evoluzione del quadro pandemico e di eventuali ulteriori disposizioni, sarà fissata entro il mese di marzo 2021.

 


28 ottobre 2020

Nota informativa

L'Unità di Crisi dell'Ateneo di Verona, in considerazione del DPCM del 25 ottobre e degli esiti della riunione del CORECO del Veneto tenutasi martedì 26 ottobre, ritiene che:

  1. Non è al momento necessario modificare quanto stabilito dall'Ateneo per lo svolgimento delle attività didattiche curriculari. I Collegi Didattici potranno concordare con il Rettore specifiche variazioni, in relazione ad esigenze peculiari di singole attività formative e della frequenza in presenza dei corsi. I Presidenti dei Corsi di Studio interverranno in situazioni di emergenza, coordinandosi con gli uffici preposti, dando immediata comunicazione al Rettore dei provvedimenti attuati.
  2. Convegni, congressi ed altri eventi possono essere svolti solo in modalità a distanza.
  3. Iniziative culturali e di didattica non curricolare devono essere preventivamente valutate e autorizzate dall'Unità di Crisi sulla base dell’evoluzione della situazione epidemiologica e della possibilità di garantire misure di sicurezza adeguate. Le richieste vanno inoltrate alla dr.ssa Debora Brocco.
  4. Studenti e docenti devono attenersi scupolosamente alle linee-guida di comportamento già emanate dall'Ateneo.
  5. È vietato tassativamente il consumo di cibo all'interno delle strutture universitarie, anche nelle aree esterne; è, inoltre, raccomandato di evitare i pranzi di lavoro o qualsiasi altra situazione che esponga a contatti stretti (a distanza inferiore ai due metri, per almeno 15 minuti, senza mascherina) in ambito lavorativo.
  6. Le aule e gli spazi studio restano a disposizione degli studenti SOLO per lo studio, e nel rispetto delle posizioni disponibili, identificate dall’Ateneo a garanzia del mantenimento del distanziamento. In tutti gli spazi studio, come nel resto delle strutture universitarie, è obbligatorio l’utilizzo della mascherina.
  7. Per quanto riguarda l’accesso alle biblioteche Frinzi, Meneghetti e Santa Marta, si ricorda che l'accesso alle sale è consentito a docenti, studenti, personale TA, e a tesisti, dottorandi, assegnisti e borsisti dell’Ateneo, previa prenotazione tramite App Affluences, secondo le modalità descritte nella pagina web delle Biblioteche. Si ricorda, altresì, che la prenotazione è personale e non cedibile. Nel caso in cui, a seguito di controlli a campione con richiesta di esibizione di un documento di identità, si riscontrasse che uno studente ha ceduto la propria prenotazione a qualcun altro, lo studente che ha effettuato la prenotazione verrà segnalato al consiglio di disciplina. Tale condotta non solo costituisce un illecito disciplinare sanzionabile da parte dell’Ateneo, ma può avere altresì rilevanza dal punto di vista penale, ai sensi dell’art. 615quater c.p. (Detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici) e dell’art. 494 del codice penale (Sostituzione di persona).
  8. Le riunioni devono essere svolte in modalità a distanza, salvo la sussistenza di motivate ragioni e a condizione che sia garantito il distanziamento fisico e, di conseguenza, la sicurezza del personale convocato.

Si specifica inoltre che, in base ai chiarimenti forniti dall'Inps in data 9 ottobre, in caso di quarantena e sorveglianza precauzionale il personale, anche docente, può svolgere attività lavorativa a distanza. In caso di malattia conclamata (certificata dal medico di medicina generale con le usuali modalità) vi è invece una esplicita e temporanea incapacità al lavoro, per cui la prestazione lavorativa non è esigibile.

Infine, si comunica che l’Università di Verona sta incontrando difficoltà nell'approvvigionamento delle dosi di vaccino antinfluenzale; per questo motivo, si suggerisce di rivolgersi al proprio Medico di Medicina Generale.

 


9 ottobre 2020

Nota dell'Unità di Crisi in merito all'uso della mascherina

In applicazione di quanto disposto dal Decreto Legge n. 125 del 07/10/2020, si comunica, a parziale correzione di quanto indicato nelle “Linee guida per l’avvio del nuovo AA 2020/21”, che è obbligatorio l’utilizzo della mascherina sempre, in tutti gli spazi dell’Università.

Si specifica, pertanto, che:

  • tutti gli studenti devono arrivare all’Università dotati di mascherina e mantenere la mascherina indossata per tutto il tempo di permanenza negli spazi universitari, sia interni che esterni;
  • è vietato, in conformità anche con le norme antifumo, fermarsi a fumare negli spazi esterni, di pertinenza dell’Università (cortili, giardini, parcheggi, ecc.);
  • i docenti dovranno indossare la mascherina anche durante lo svolgimento delle lezioni;
  • tutto il personale è tenuto ad indossare la mascherina sempre, ad eccezione di quando si lavori da soli in una stanza.

Si comunica, inoltre, che è ammesso anche l’utilizzo delle mascherine di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire un’adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso.

14 settembre 2020

Linee guida per l’avvio del nuovo AA 2020/21. Regole per il contenimento dell’epidemia da COVID-19 per studenti e docenti

Regole generali

Studenti e docenti possono accedere alle strutture universitarie a condizione che:

  • non abbiano la seguente sintomatologia: temperatura corporea >37,5°, tosse, difficoltà respiratorie, forti mal di gola, raffreddore e congiuntivite, perdita gusto e olfatto, o diarrea.
  • all’inizio del nuovo anno accademico e con la ripresa delle attività didattiche in presenza, studenti e docenti abbiano fornito, nella modalità che sarà comunicata, autocertificazione di non trovarsi nelle condizioni che ostano all’accesso (sintomatologia sopra descritta, quarantena o contatti stretti con persone positive a COVID-19);
  • indossino una mascherina almeno di tipo chirurgico. Se ne usano una di protezione maggiore, questa deve essere senza valvola di espirazione. Il mancato rispetto di questa prescrizione comporta l’allontanamento dalle strutture universitarie;
  • rispettino i percorsi previsti per l’entrata, l’uscita e gli spostamenti negli spazi interni all’Università, secondo segnaletica;
  • non venga rilevata dal termoscanner una temperatura superiore a 37,5°.

Laddove manifesti una sintomatologia compatibile con Covid-19 al di fuori delle strutture universitarie, la persona è tenuta ad avvisare immediatamente il proprio medico di medicina generale e a seguire le sue indicazioni.

Laddove la sintomatologia compaia durante la permanenza nelle strutture, si applicheranno le procedure di seguito indicate.

Al fine di facilitare il tracciamento e l’identificazione dei contatti, studenti e docenti sono fortemente invitati a dotarsi dell’App IMMUNI, tenendola attiva durante i periodi di presenza negli spazi dell’Ateneo.

Regole ulteriori per gli studenti:

 Dichiarazione studenti al momento della prenotazione delle lezioni

Lo studente:

  • può accedere all’aula di lezione solo previa prenotazione del posto tramite l’App UNIVR Lezioni. L’applicazione non ha solo finalità organizzative, ma anche di tracciamento dei contatti; pertanto, lo studente deve sedersi esclusivamente nel posto con il numero assegnato in sede di prenotazione e deve cancellare la prenotazione qualora impossibilitato a partecipare alla lezione. Allo stesso scopo, appena possibile saranno comunicate anche le modalità per certificare online la propria presenza;
  • nel caso si trovi in un’aula collegata all’aula principale, dov’è presente il docente, e si accorga di un altro studente che mostra sintomatologia compatibile con Covid-19, deve andare ad avvisare il docente;
  • all’interno della struttura, deve rispettare le norme igienico sanitarie previste, in particolare, indossare sempre la mascherina, lavare frequentemente le mani con acqua e sapone o utilizzando gli appositi dispenser di soluzioni igienizzanti e mantenere una distanza interpersonale di almeno 1 m;
  • all’ingresso e all’uscita dall’aula di lezione, deve igienizzarsi le mani, utilizzando i dispenser che saranno disponibili nell’aula o nelle aree limitrofe;
  • deve evitare assembramenti, in particolare all’entrata e all’uscita degli edifici, delle aule e dei bagni;
  • all’interno delle strutture (aule, spazi studio, biblioteche e spazi comuni), deve utilizzare solo i posti a sedere contrassegnati e non spostare le sedie;
  • in caso di partecipazione a un laboratorio didattico, deve rispettare le istruzioni del docente, mantenere il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro, tenere la mascherina, igienizzarsi le mani, usare i guanti quando previsto dall’esperienza di laboratorio. Deve, se del caso, pulire le superfici degli strumenti utilizzati, al termine dell’esperienza, con le salviette e il detergente neutro.
  • deve presentarsi agli uffici amministrativi o al ricevimento del docente solo all’orario previsto per l’appuntamento;
  • in caso di esami in presenza, deve presentarsi all’orario comunicato dal docente, sulla base del calendario e della scansione temporale predisposta;
  • deve rispettare le indicazioni impartite da docenti, tutor e personale tecnico amministrativo al fine di garantire il rispetto delle norme igienico sanitarie utili al contenimento dell’epidemia;
  • fino a nuova comunicazione, può accedere alle biblioteche centralizzate di Ateneo solo previa prenotazione con App Affluences, mentre può accedere alle biblioteche specialistiche presso i Dipartimenti su appuntamento, da concordare via mail con i referenti bibliotecari di sede, e solo previa autorizzazione sottoscritta dal Relatore di tesi. I prestiti presso tutte le biblioteche sono effettuati su appuntamento. Per maggiori informazioni, si rinvia agli avvisi presenti sulla pagina web delle biblioteche.

Regole ulteriori per i docenti:

Il docente è parte integrante del sistema di prevenzione e di vigilanza nei luoghi di lavoro, in quanto preposto secondo la normativa vigente in materia di salute e sicurezza negli ambienti di lavoro. Pertanto è tenuto non solo a contribuire all’adempimento degli obblighi previsti e ad osservare le disposizioni e le istruzioni impartite, ma altresì a vigilare sul corretto adempimento delle stesse da parte degli studenti, esercitando, se necessario, un funzionale potere di iniziativa.

In particolare, ogni docente deve:

- indossare la mascherina chirurgica ogniqualvolta si trova nei luoghi comuni delle strutture e all’interno dell’aula, nei momenti in cui non sta svolgendo la lezione. Mentre svolge la lezione, la mascherina va indossata qualora, per necessità, non sia possibile rispettare la distanza interpersonale di almeno due metri;

- garantire l’attuazione delle misure igienico-sanitarie previste, in particolare lavandosi spesso le mani, preferibilmente con acqua e sapone, o utilizzando gli appositi dispenser di soluzioni igienizzanti;

- garantire la corretta aerazione all’interno dell’aula, aprendo laddove possibile le finestre alla fine della lezione; sempre se è possibile, tenere finestre aperte o a vasistas anche durante la lezione;

- vigilare affinché non si creino assembramenti tra gli studenti, all’interno e all’esterno dell’aula di lezione, richiedendo agli stessi, se necessario, di mantenere la distanza interpersonale di un metro e di indossare la mascherina;

- invitare gli studenti a sedersi nel posto con il numero assegnato dall’App UNIVR Lezioni in sede di prenotazione, e a rispettare le regole igienico-sanitarie previste (utilizzo della mascherina, distanziamento e igienizzazione delle mani in ingresso e uscita dall’aula).

- esercitare un’attiva vigilanza quando si trova all’interno delle strutture universitarie, anche al di fuori dell’orario di lezione, e laddove necessario richiedere agli studenti di mantenere la distanza interpersonale di un metro e di indossare la mascherina (ad es. nei corridoi, spazi comuni, spazi studio, bagni etc.)

- nel caso organizzi un laboratorio didattico, programmare l’attività suddividendo gli studenti in modo che possano sempre mantenere una distanza interpersonale di almeno un metro. Verificare che gli studenti puliscano le superfici degli strumenti eventualmente utilizzati nell’esperienza, con le salviette e il detergente neutro forniti dal Dipartimento, dopo l’utilizzo. Al termine del laboratorio, aprire le finestre per il ricambio d’aria.

Gli esami scritti/orali potranno svolgersi, a scelta del docente, in presenza o distanza con la garanzia comunque della modalità a distanza per tutti gli studenti che lo chiederanno. Resta valida la possibilità di organizzare colloqui ed esami in presenza o a distanza in risposta a specifiche esigenze di studenti con disabilità. Nel caso di esami scritti in presenza, si dovrà garantire la partecipazione di un numero massimo di studenti corrispondente alla capienza dell’aula, considerato il numero contingentato di postazioni disponibili (circa 1/2 rispetto alla normale capienza dell’aula). Nel caso di esami orali in presenza, questi dovranno essere organizzati sulla base di un calendario e una scansione temporale che consenta di garantire il rispetto della capienza dell’aula sulla base delle sedute disponibili, ed eviti gli assembramenti. In entrambi i casi, il docente dovrà garantire la corretta aerazione all’interno dell’aula, aprendo, laddove possibile, le finestre almeno due volte al giorno; sempre se è possibile, provvederà a tenere finestre aperte o a vasistas anche durante gli esami.

 

Gestione casi sospetti o confermati

- Nel caso in cui identifichi in aula e/o durante attività curriculare (esami, lauree, …) un caso sospetto (cioè un soggetto con temperatura corporea al di sopra di 37,5°C, o sintomatologia compatibile con Covid-19), il docente accompagna lo studente in portineria, affinché il personale di prima accoglienza possa verificare la temperatura corporea. Nel caso in cui lo studente che mostri sintomatologia compatibile con Covid-19 si trovi in un’aula collegata all’aula principale, ma non presidiata dal docente, è previsto che sia uno studente presente in tale aula ad andare ad avvisare il docente. Laddove la temperatura sia superiore a 37,5°C, il personale di prima accoglienza dota lo studente di una nuova mascherina chirurgica e lo isola adeguatamente dalle altre persone, nella stanza dedicata, ad eccezione delle persone strettamente necessarie a una sua assistenza, che, comunque, dovranno indossare mascherine chirurgiche e cercare, nei limiti consentiti dalla situazione, di stare ad almeno un metro di distanza. È necessario provvedere a che lo studente possa ritornare al proprio domicilio al più presto possibile, invitandolo a contattare il proprio medico di medicina generale o, in sua assenza, l’USCA o il Dipartimento di Prevenzione, per la valutazione clinica necessaria e l’eventuale prescrizione del test diagnostico. In aggiunta, lo studente deve contattare il Referente Universitario Covid (RUC) (tel. 045-8027683; cell.348-7337833; e-mail: debora.brocco@univr.it) che si interfaccerà con il SISP ULSS-9 Scaligera (tel. 045-8075511; prevenzione.aulss9@pecveneto.it). Non è indicata, in questo caso, per il docente, la sospensione dell’attività didattica in presenza, che sarà invece disposta in caso di conferma del caso sospetto, con inclusione del docente tra le persone da mettere in isolamento preventivo, in attesa dell’esito dell’indagine epidemiologica da parte dell’Autorità Sanitaria Competente.

 

  • Al fine del tracciamento dei contatti, nel caso in cui l’Ateneo o il RUC vengano a conoscenza, attraverso l’Autorità Sanitaria Competente, di un caso confermato di COVID-19 riferito a uno studente, un docente, un tutor, una figura di supporto o personale tecnico amministrativo (es. tecnico informatico), presenti in aula in un determinato giorno, è compito del docente collaborare con l’Ateneo, e in particolare con il RUC (tel. 045-8027683; cell.348-7337833; e-mail: debora.brocco@univr.it), per la trasmissione dei dati relativi alle presenze (elenco prenotazioni e posti a sedere). Ai soggetti presenti in aula gli Uffici dell’Università inviano, sempre in accordo con il Dipartimento di Prevenzione, comunicazione raccomandando, in via cautelativa, di isolarsi a casa e di effettuare la sorveglianza passiva dei sintomi, e invitando a seguire pedissequamente le disposizioni dell’Autorità Sanitaria Competente. Spetta, infatti, all’Autorità Sanitaria Competente l’effettuazione dell’indagine epidemiologica e l’individuazione delle eventuali misure da attuare (ad es. quarantena, isolamento, sorveglianza attiva, etc). Durante la fase di isolamento preventivo e in attesa dell’esito dell’indagine epidemiologica da parte dell’Autorità Sanitaria Competente, l’attività didattica del docente coinvolto prosegue solo a distanza. La ripresa delle attività didattiche in presenza è subordinata all’esito dell’indagine epidemiologica e alle raccomandazioni del Dipartimento di Prevenzione. In ogni caso, fatte salve diverse comunicazioni e disposizioni da parte dell’Autorità Sanitaria Competente, si consiglia, per gli studenti, i docenti e il personale coinvolto, la ripresa dell’attività in presenza solo al termine di un periodo di quindici giorni. La medesima procedura viene attivata anche per le attività curriculari (esami di profitto, esami di lauree, …). Qualora, all’esito dell’indagine epidemiologica, l’Autorità Sanitaria Competente disponga per il docente la quarantena, per tutta la durata della stessa l’attività didattica, anche a distanza, sarà sospesa. Sarà compito del Presidente del Collegio Didattico interessato provvedere al recupero delle attività didattiche perse, scegliendo la modalità più opportuna in coerenza con gli obiettivi formativi previsti.
  • Qualora il docente, durante la permanenza all’interno delle strutture universitarie, manifestasse una sintomatologia compatibile con Covid-19 e si dovesse riscontrare una temperatura >37.5° (misurabile in portineria), la persona dovrà rapidamente isolarsi dagli altri e allontanarsi dal luogo di lavoro, avvisando tempestivamente e responsabilmente l’Ufficio del Personale (presenze@ateneo.univr.it; tel. 045 802- 8666, 8433, 8556) e il RUC (tel. 045-8027683; cell.348-7337833; e-mail: debora.brocco@univr.it), che provvederà immediatamente a contattare le Autorità Sanitarie competenti (SISP ULSS-9 Scaligera: tel. 045-8075511; e-mail: prevenzione.aulss9@pecveneto.it) e a collaborare con loro per le attività di tracciamento.

 

Deroghe alle attività in presenza, riunioni collegiali, ricevimento studenti

  • Il docente, che è tenuto ad effettuare attività didattiche e collegiali in presenza, può richiedere di svolgerle a distanza nei seguenti due casi, e comunque previa comunicazione al proprio Collegio Didattico:
    • o lavoratore o lavoratrice “fragile” ai sensi della Circolare INPS n. 13 del 4 settembre 2020 e a seguito di valutazione, secondo il protocollo di ateneo in materia.
    • o lavoratore o lavoratrice con figli minori di anni 14 conviventi che siano in quarantena per disposizione dell’Autorità Sanitaria Competente, a condizione che, nel nucleo famigliare, non vi sia altro genitore che a qualsiasi titolo svolge attività di lavoro in modalità agile o non svolge alcuna attività lavorativa. In questo caso dovrà produrre documentazione relativa alla disposizione di quarantena del figlio e autodichiarazione sulla sussistenza delle altre condizioni.
  • Le riunioni dei Collegi didattici, dei Consigli di Dipartimento e, comunque, di organi collegiali, potranno essere organizzate sia in presenza che in modalità mista, a seconda della disponibilità delle aule, in considerazione del numero di partecipanti e della necessità di mantenere una distanza interpersonale di 1 m. I docenti potranno partecipare a distanza solo se la modalità della riunione lo prevede. In caso di partecipazione in presenza, dovrà essere indossata la mascherina. Al termine della riunione, ove possibile, si deve provvedere ad aprire le finestre per consentire il ricambio d’aria.
  • Il ricevimento degli studenti può essere effettuato sia a distanza che in presenza, previo appuntamento. E’ responsabilità del Docente organizzare i ricevimenti in presenza in modo da non creare assembramenti al di fuori dell’aula/studio sede del ricevimento, anche mettendosi d’accordo, se necessario, con i Docenti che occupano spazi limitrofi, in modo da effettuare i ricevimenti in momenti diversi. E’ importante arieggiare l’aula/studio frequentemente e mantenere indossata la mascherina, in particolare se non è possibile mantenere il distanziamento di 1 metro. Non è necessario procedere a pulizia degli spazi e degli arredi tra uno studente e l’altro; le pulizie vengono regolarmente effettuate giornalmente dalla ditta incaricata.

 


7 settembre 2020.
Aggiornamento dell'Unità di Crisi su:

  • Test d’ammissione ai Corsi di Laurea: condivisione delle misure organizzative, adottate al fine dello svolgimento delle prove in sicurezza
  • Apertura delle Biblioteche di Ateneo
  • Avvio Anno Accademico 2020/2021
  • Ricevimento degli studenti
  • Utilizzo delle aule e degli spazi studio
  • Modalità di accesso alle strutture universitarie per borsisti, assegnisti, dottorandi e tesisti
  • Considerazioni in merito ai lavoratori cosiddetti “fragili” e alla sorveglianza sanitaria eccezionale.

    Leggi il comunicato

La didattica a UNIVR nell'a.a. 2020/21: lezioni in presenza e fruizione garantita anche a distanza

Care studentesse, cari studenti,

l’Ateneo sta lavorando intensamente per adottare tutte le misure di sicurezza e i protocolli necessari per l’avvio sereno e tempestivo del nuovo anno accademico.

Ribadendo la volontà dell’Ateneo di tornare completamente, non appena l’evoluzione dell’emergenza sanitaria lo consentirà, alla didattica in presenza, vi confermo che la modalità duale sarà garantita per l’intero anno accademico, ad eccezione delle attività pratiche per quei corsi, la cui presenza è espressamente richiesta da norme ministeriali, affinché voi, studentesse e studenti possiate organizzare al meglio e con dovuto anticipo, il vostro percorso formativo.  Siete pertanto liberi di scegliere se partecipare alle lezioni fisicamente o a distanza.

Tale scelta è dettata dalla volontà dell’Ateneo di garantire il rispetto dei fondamentali diritti allo studio, alla salute e alla sicurezza. In quest’ottica è nell’interesse dell’Ateneo promuovere la flessibilità e l’autonomia dei singoli corsi di studio, per garantire una didattica omogenea e conforme agli obiettivi formativi previsti per i piani di studio.

Rispetto alla comunicazione pubblicata l’11 giugno, mi preme comunicarvi che nonostante il quadro sociale e sanitario delicato, l’Ateneo si sta impegnando nella ricerca di aule esterne disponibili ed adeguate all’ampliamento delle lezioni erogate in presenza anche per gli anni seguenti al primo dei corsi di laurea triennali.

Gli orari delle lezioni, in corso di definizione e di successiva pubblicazione, potranno essere pertanto oggetto di variazioni in itinere in senso migliorativo.

L’Ateneo si impegna nella tempestiva comunicazione di tali variazioni.

 

IL RETTORE

Prof. Pier Francesco Nocini

Sessione esami di settembre: modalità di svolgimento

  • gli esami scritti/orali potranno svolgersi, a scelta del docente, in presenza o distanza con la garanzia comunque della modalità a distanza per tutti gli studenti che lo chiederanno;
  • gli appelli di laurea si svolgeranno in presenza.

Il supporto informatico per gli esami a distanza è da concordare con la DSIT tramite la U.O. didattica di riferimento.

 

NEW Centro Linguistico di Ateneo
Modalità di svolgimento prove di certificazione linguistica durante l’emergenza covid-19

 

Università di Verona al lavoro per garantire attività in aula da settembre

L’Ateneo di Verona ha affrontato l’emergenza Covid garantendo fino ad oggi tutte le attività didattiche.  Lauree ed esami sono già ripresi in presenza e la ripartenza per il prossimo anno accademico è prevista riportando tutti di nuovo a lezione in aula, in sicurezza.

Le regole di distanziamento stabilite ad oggi dal Governo impongono di ridurre il numero di studenti nelle aule, ma la struttura organizzativa dell’Università, assieme al Consiglio degli studenti, sta facendo il massimo sforzo per riorganizzare gli spazi e trovarne altri, in modo da garantire a tutti i corsi di studi l’opportunità di tornare nelle aule dell’Università.

Si attende a breve un nuovo DPCM in quanto l’attuale scadrà il 14 luglio. Presumibilmente il Ministero darà nuove indicazioni alle Università, così come ha fatto sino ad ora, sperando possano migliorare ulteriormente la situazione, uscendo dall’emergenza. Lo stesso ministro Manfredi in questi giorni ha dichiarato la volontà di tornare in presenza da settembre.

A fronte delle nuove indicazioni ministeriali anche l’ateneo veronese procederà con la loro attuazione a garanzia della migliore qualità della didattica.

Si continua a lavorare, dunque, per ritornare in aula con l’avvio del nuovo anno accademico pur continuando a garantire l’offerta didattica a distanza a chi non ha la possibilità di essere materialmente presente.

 


Nota operativa

Ad integrazione del documento "Aggiornamento informazioni operative a partire dal 18 giugno 2020" dell'Unità di Crisi in merito alle modalità di svolgimento degli esami estivi in presenza si precisa che:

  • per appelli successivi al primo, all'interno della stessa sessione, può essere cambiata la modalità (distanza -> presenza) nel caso di esami orali e nel caso di esami scritti solo mantenendo invariata la tipologia della prova;
  • deve comunque essere garantita la possibilità a tutti gli studenti che lo richiedano di sostenere l'esame a distanza; 
  • vanno mantenuti la data e l'orario già definiti per l'appello.

Si chiede inoltre a tutti i docenti che desiderano cambiare modalità da esame online a esame in presenza nel mese di luglio di concordarlo preventivamente con il proprio Presidente di Collegio Didattico e comunicarlo all'U.O. Didattica e Studenti di riferimento entro giovedì 25 giugno in modo che l'U.O. possa comunicare gli appelli, le date, gli orari e le aule prenotate al servizio tecnico per l'organizzazione della sanificazione degli spazi.

Delegato alla Didattica, Prof. Federico Schena.

Aggiornamento informazioni operative per la Fase 2, a partire dal 18 giugno 2020

L’unità di crisi dell’ateneo per emergenza COVID 19, nella riunione di mercoledì 17 giugno, ha elaborato il documento (link all'allegato) che aggiorna le informazioni operative per la Fase 2 all’interno dell’Università di Verona, in collegamento e applicazione delle disposizioni contenute nel DPCM dell’11 giugno 2020 e nell’Ordinanza Regionale n.59 del 13 giugno 2020.

Nuova versione dei moduli di autorizzazione per gli studenti in tesi e per borsisti/assegnisti/dottorandi:

 


Modalità di svolgimento delle attività didattiche per l’anno accademico 2020-2021

11 giugno 2020

Per rispondere adeguatamente al permanere della situazione emergenziale e nelle more di specifiche disposizioni ministeriali l’ateneo, al fine di rispondere alle esigenze di programmazione ed organizzazione di studenti, docenti e personale, ha ritenuto di dover individuare le modalità di svolgimento delle attività didattiche per l’anno accademico 2020-2021 secondo i seguenti principi:

  1. Conferma dell’importanza della modalità di svolgimento delle attività didattiche  in presenza, laddove compatibile con le prescrizioni per la  sicurezza.
  2. Garanzia della possibilità di fruizione anche a distanza di ogni attività prevista fatto salve le attività in presenza obbligatorie da norme nazionali
  3. Organizzazione delle attività nel rispetto dei diritti delle persone con disabilità o con DSA
     

Per dare attuazione a questi principi, in osservanza con le indicazioni vigenti  e compatibilmente con le strutture disponibili, le attività dei corsi di studio verranno organizzate secondo queste linee guida:

  1. Corsi di laurea Magistrale completamente in modalità duale (presenza e distanza)
  2. Corsi di laurea Triennale  in modalità a distanza con l’eccezione del primo anno di corso per il quale verranno proposte anche attività in modalità duale (presenza e distanza) in misura compatibile con la sicurezza  degli spazi derivante dalla regole di distanziamento vigenti nella fase 3
  3. Corsi di Laurea Magistrale a ciclo unico con modalità articolata tra i diversi anni di corso, in funzione di quanto definito dai singoli corsi di studio
  4. Dottorati, Corsi di specializzazione,  Master  e Corsi post-lauream completamente in modalità duale.
     

Tutte le attività pratiche (lezioni esercitative e di laboratorio) verranno proposte in modalità duale, secondo regole organizzative coerenti con le esigenze e le specificità di ogni CdS che le preveda.

Sarà cura degli Organi di ateneo, dei Delegati, delle Direzioni e dell’Unità di Crisi, identificata specificamente per questa emergenza, fornire il massimo supporto a Scuole, Dipartimenti, Collegi ed UO Didattiche nella complessa fase di programmazione ed organizzazione, necessaria per dare attuazione operativa a queste indicazioni che saranno prontamente aggiornate laddove, la mutata situazione e/o le indicazioni legislative o normative, lo richiedessero.

IL RETTORE

Prof. Pier Francesco Nocini

 


Aggiornamento informazioni operative per la Fase 2, a partire dal 3 giugno 2020

L’unità di crisi dell’ateneo per emergenza COVID 19, nella riunione di venerdì 29 maggio, ha elaborato il documento (link all'allegato) che aggiorna le informazioni operative per la Fase 2 (nota prot. 141666 del 30 aprile 2020).

 Informazioni per gli studenti

Tutti gli studenti saranno messi nelle condizioni di poter proseguire e concludere il proprio percorso di formazione, di svolgere le sedute di laurea e sostenere gli esami previsti per la sessione estiva.

LEZIONI ED ESAMI

Già a partire da questa sessione di esami sarà possibile, a discrezione del Docente, ritornare alla modalità in presenza, con le seguenti specifiche:

  • se, in questa sessione, è già stato fatto un appello in modalità “scritto – a distanza”, anche il secondo appello dovrà essere svolto con le stesse modalità;
  • se, in questa sessione, è già stato fatto un appello in modalità “orale – a distanza”, il secondo appello potrà essere svolto, sempre in forma orale, ma a distanza o in presenza, a discrezione de docente;
  • se, in questa sessione, non è ancora stato fatto alcun appello, il docente potrà scegliere liberamente se fare l’esame in forma orale o scritta, a distanza o in presenza.

Nel caso degli esami scritti in presenza, si dovrà garantire la partecipazione di un numero massimo di persone pari a 1/3 rispetto alla capienza dell’aula, garantendo la distanza di almeno 1 m tra una persona e l’altra e disponendo la pulizia dell’aula e il ricambio dell’aria al termine dell’utilizzo; nel caso degli esami orali in presenza, invece, questi dovranno essere effettuati uno alla volta, previo appuntamento, garantendo il ricambio d’aria tra uno studente e l’altro e la pulizia dell’aula a fine giornata. Il docente dovrà, altresì assicurare il divieto di assembramento in prossimità della sede d’esame. Agli studenti che dovessero venire a svolgere esami in presenza è richiesto di arrivare già dotati di propria mascherina e di rispettare le misure igienico-sanitarie disposte dall’Università.

Resta valida la possibilità di organizzare colloqui ed esami in presenza in risposta a specifiche esigenze di studenti con disabilità.

 Per approfondimenti sulle modalità di svolgimento degli esami durante la sessione estiva si rimanda alla pagina Gestione degli esami online.

 Si raccomanda agli studenti che frequentano le lezioni e/o che si iscrivono alle prove d'esame, alle prove finali o esame di laurea e di abilitazione in modalità telematica di prendere visione delle “Informazioni integrative sul trattamento dei dati personali per lo svolgimento di attività didattica, esami di profitto, prove finali ed esami di laurea e abilitazione nel periodo di emergenza sanitaria da COVID/19 in modalità telematica”.

ESAMI DI CERTIFICAZIONE LINGUISTICA

Per tutte le informazioni relative alla sessione estiva si rimanda alla nuova pagina "MODALITÀ DI SVOLGIMENTO PROVE DI CERTIFICAZIONE LINGUISTICA durante l’emergenza COVID-19"

LA TESI DI LAUREA

Attività di ricerca inerenti la testi di laurea potranno essere svolte anche in presenza, previa autorizzazione scritta del relatore (a tal fine va compilato il Modulo autorizzazione accesso studentesse e studenti)

ESAMI DI LAUREA

La sessione estiva degli esami di laurea sarà effettuata, come da indicazione nazionale e come precedentemente comunicato, in modalità a distanza, ad eccezione delle lauree magistrali, incluse quelle a ciclo unico, per le quali potrà essere effettuata anche in presenza, su decisione dei singoli Collegi Didattici dei CdS.

Se svolte in presenza, le sedute di laurea dovranno svolgersi in modalità tali da riuscire a garantire il distanziamento fisico e in conformità con le disposizioni emanate dalle ordinanze nazionali e regionali.

Le lauree si dovranno svolgere presso strutture universitarie che garantiscono il distanziamento non soltanto all’interno dell’aula ma, soprattutto, negli spazi di attesa interni ed esterni.

I laureandi verranno proclamati uno per volta alla fine della discussione di ogni singola tesi. Ad ogni laureando sarà comunicato orario di inizio e di fine della propria laurea, in modo da evitare possibili assembramenti. Ciascun laureando potrà essere accompagnato da 10 persone al massimo, tutti dotati di propria mascherina; ciascuno dovrà utilizzare un disinfettante per l’igiene delle mani (nei locali universitari sono presenti appositi dispenser) e rispettare la distanza tra i presenti di almeno 2 metri.

Gli accompagnatori e il laureando dovranno arrivare nella sede della seduta di laurea non prima di 10 minuti dall’orario previsto per la discussione della tesi, e attendere nello spazio dedicato fino alla chiamata; dovranno, altresì, lasciare la sede della seduta di laurea immediatamente dopo la proclamazione, allontanandosi il più rapidamente possibile dagli spazi universitari, sia interni che esterni.

Dopo la laurea, anche all’esterno dell’Università, vanno tenuti comportamenti consoni all’attuale situazione; comportamenti non corretti porterebbero, necessariamente, a non consentire più le sedute di laurea in presenza. Concessa la presenza del fotografo.

È intenzione dell'Università di Verona organizzare, non appena possibile, un evento cittadino per festeggiare tutte le lauree conseguite durante l'emergenza COVID-19.

TIROCINI CURRICULARI

I tirocini curriculari potranno essere svolti a distanza, in presenza o in modalità mista, senza vincoli prestabiliti di percentuale di lavoro a distanza/in presenza, compatibilmente con la disponibilità della struttura ricevente. Il soggetto ospitante dovrà garantire che l’organizzazione degli spazi nei propri locali sia tale da ridurre al massimo il rischio di prossimità e di aggregazione, e che vengano adottate tutte le misure organizzative di prevenzione e protezione, contestualizzate rispetto alle specifiche attività da svolgere, avendo particolare riguardo alle specifiche esigenze delle persone con disabilità. Nel caso di tirocini presso le strutture del nostro Ateneo, l’autorizzazione all’accesso e il rispetto delle disposizioni di distanziamento fisico e di adozione delle misure di prevenzione spetteranno al docente responsabile dell’attività di tirocinio, analogamente a quanto disposto per assegnisti, borsisti e dottorandi.

Resta valido che, qualora nessuna delle modalità precedenti fosse praticabile, potrà essere consentito, previo accordo con il docente/tutor, lo svolgimento di attività alternative, secondo quanto eventualmente disposto dai collegi didattici di riferimento.

TIROCINI DI AMBITO SANITARIO

La modalità a distanza potrà essere adottata anche per i tirocini di area sanitaria per i quali, tuttavia, in base alle decisioni assunte dai Presidenti dei Corsi di Laurea, sarà possibile autorizzare lo svolgimento in presenza.

Per lo svolgimento del tirocinio in modalità in presenza gli studenti dovranno esprimere il loro assenso, avendo la possibilità di posticiparli.

STAGE E TIROCINI EXTRACURRICULARI

È ammessa la ripresa delle esperienze di tirocini extracurriculare nel territorio regionale, in modalità in presenza, presso tutti i soggetti ospitanti che svolgono attività produttive nei settori non sospesi ai sensi del DPCM 22 marzo 2020 e successive modifiche.

Lo svolgimento di tirocini potrà avvenire a condizione che l’organizzazione degli spazi nei locali del soggetto ospitante sia tale da ridurre al massimo il rischio di prossimità e di aggregazione e che vengano adottate tutte le misure organizzative di prevenzione e protezione, contestualizzate rispetto alle specifiche attività da svolgere, avendo particolare riguardo alle specifiche esigenze delle persone con disabilità.

Nei luoghi di lavoro dovrà essere integralmente rispettato il Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del Virus Covid-19, negli ambienti di lavoro, sottoscritto il 24 aprile 2020 tra Governo e parti sociali, nonché altri protocolli sottoscritti per singoli ambiti di competenza e i protocolli in aggiornamento dei suddetti (lettera F dell'Ordinanza n. 48 del 17.05.2020 del Presidente della Giunta Regionale del Veneto).

ATTIVITÀ PRATICHE E DI LABORATORIO

Le modalità di svolgimento delle attività pratiche e di laboratorio vengono definite dal Collegio didattico di ciascun corso di studi e pubblicate nelle pagine del corso di studi.

COLLABORAZIONI 150 ORE

Gli studenti 150 ore possono tornare a svolgere le proprie attività, in accordo con la struttura ospitante, la quale dovrà garantire il rispetto delle disposizioni di distanziamento fisico e di adozione delle misure di prevenzione, anche in relazione alla presenza del personale TA e docente. Analogamente a quanto disposto per il personale tecnico TA e per i tirocinanti, le attività degli studenti 150 ore potranno essere svolte tutte a distanza, tutte in presenza, o in modalità mista, a seconda degli accordi presi con la struttura ospitante.

ACCESSO, IN PRESENZA, AGLI SPORTELLI E AGLI UFFICI AMMINISTRATIVI

L’accesso degli studenti agli uffici amministrativi sarà consentito solo in via eccezionale, previo appuntamento e previa raccomandazione agli stessi di arrivare già dotati di propria mascherina di tipo chirurgico.

RICEVIMENTI

I ricevimenti si svolgono solo in modalità telematica, previo appuntamento via mail con il docente.

AULE STUDIO 

Le aule studio resteranno chiuse.

ORIENTAMENTO

Le attività di orientamento in ingresso e in itinere continuano a distanza. Tutte le informazioni aggiornate nella vetrina studenti

RISTORANTI E BAR UNIVERSITARI

Da lunedì 22 giugno si può accedere liberamente e senza obbligo di prenotazione al ristorante San Francesco. Possono accedere studenti, dipendenti e docenti a pranzo dal lunedì al venerdì.

Maggiori informazioni sul sito di ESU Verona

BIBLIOTECHE

AVVISO App Affluences per la prenotazione del posto in Frinzi, Meneghetti e Santa Marta

Le sale consultazione delle biblioteche di Ateneo sono aperte solo per gli utenti istituzionali, fino al limite numerico consentito dalle misure di distanziamento.
È obbligatorio indossare la mascherina di protezione e igienizzare le mani con il gel idroalcolico disponibile presso l'entrata.  
 
Biblioteca Frinzi
Spazi studio: lunedì-domenica 8.30-23.30
Servizi: lunedì-venerdì 8.30-19.30, sabato: 8.30-12.30
Biblioteca Meneghetti
Spazi studio: lunedì-venerdì 8.30-23.30, sabato e domenica 8.30-19.30
Servizi: lunedì-venerdì 8.30-19.30, sabato 8.30-12.30
Biblioteca Santa Marta
Spazi studio: lunedì-venerdì 8.30-19.30
Servizi: lunedì-venerdì 9.00-15.00

L'accesso alle sale è consentito a docenti, studenti, personale TA, e a tesisti, dottorandi, assegnisti, borsisti previa prenotazione tramite App Affluences.
Il personale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona può richiedere la prenotazione del posto in biblioteca Meneghetti inviando una e-mail a prestiti.meneghetti@ateneo.univr.it
 

ATTENZIONE: l’emeroteca della Biblioteca Frinzi è chiusa per lavori, ma i periodici cartacei potranno essere chiesti in sala consultazione.

Biblioteche specialistiche presso i dipartimenti 

L'accesso alle sale delle biblioteche specialistiche è consentito ai docenti, al personale TA, al personale dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona e a tesisti, dottorandi, assegnisti e borsisti in possesso dell'autorizzazione sottoscritta dal responsabile della ricerca o dal relatore di tesi (vai al modulo per i tesisti o al modulo per dottorandi, assegnisti, borsisti). 
È necessario concordare un appuntamento con i rispettivi referenti via e-mail. Si accede solo per la consultazione di fonti non altrimenti fruibili.  

Le biblioteche presso i dipartimenti aprono da lunedì a giovedì dalle 9 alle 18 e il venerdì dalle 9 alle 13, a eccezione di: 
Biblioteca del Polo Universitario di Economia a Vicenza da lunedì a venerdì 9-12.30 e 14-17
Biblioteca di Scienze motorie martedì e giovedì dalle 9 alle 18
Biblioteche di Biotecnologie, di Informatica e di Psichiatria: fare riferimento alla Biblioteca Meneghetti.


 

SERVIZI: 


Prestito  
Esclusivamente previa prenotazione dei libri dal pulsante Prenota il ritiro dei libri in biblioteca di Universe. È necessario attendere conferma della disponibilità e concordare l’appuntamento per il ritiro stesso, negli orari di apertura sopra riportati.  
I testi in programma d’esame e i libri contrassegnati in Universe dalla dicitura “consultazione” sono dati in prestito per 48 ore (esclusi volumi di enciclopedie, dizionari, riviste...). 
 

Restituzione  
Esclusivamente tramite i box di autorestituzione negli orari di apertura degli edifici dove sono collocati.  
Attenzione: il box della Biblioteca Meneghetti è stato spostato nell’atrio degli Istituti Biologici. 
    
Girarticolo e Giralibro

Girarticolo: si possono chiedere dal pulsante Richiedi ai servizi interbibliotecari in Universe articoli o parti di volumi posseduti dalle biblioteche dell’Ateneo, nel rispetto delle norme sul diritto d’autore.  
Giralibro: dal pulsante di Universe Prenota il ritiro dei libri in biblioteca si possono richiedere i volumi delle biblioteche di Ateneo scegliendo la biblioteca per il ritiro.  
  
Servizi interbibliotecari 
I servizi interbibliotecari (servizio di fornitura articoli, capitoli di libri e libri in prestito da parte di altre biblioteche nazionali e internazionali) sono erogati compatibilmente con la disponibilità delle biblioteche esterne.  
  
Servizi online 
Continuano a essere disponibili tutti i servizi da remoto in supporto alla didattica e alla ricerca riportati sulla pagina FAQ #lamiabibliotecadacasa in costante aggiornamento. 
Per altre informazioni compila il form Chiedi al bibliotecario.
  
Stampe e fotoriproduzioni: è consentito l’uso delle macchine fotocopiatrici nelle biblioteche. 

 

 Informazioni per futuri studenti

TEST DI AMMISSIONE 2020/21

Tutte le informazioni relative alle modalità di accesso ai corsi di studio 2020/21 sono disponibili alla pagina www.univr.it/iscrizioni.

 Informazioni per gli specializzandi e frequentatori dei corsi post-lauream

In considerazione del fatto che gli specializzandi non sono studenti, ma professionisti con contratto di formazione-lavoro, si lascia alle Scuole di Specializzazione la possibilità di scegliere se effettuare lezioni ed esami a distanza o in presenza, sempre nel rispetto delle disposizioni di distanziamento fisico e di adozione delle misure di prevenzione. In particolare, nel caso delle lezioni in aula, o degli esami scritti in presenza, si dovrà garantire la partecipazione di un numero massimo di persone pari a 1/3 rispetto alla capienza dell’aula, garantendo la distanza di almeno 1 m tra una persona e l’altra e disponendo la pulizia dell’aula e il ricambio dell’aria al termine dell’utilizzo; nel caso degli esami orali in presenza, invece, questi dovranno essere effettuati uno alla volta, previo appuntamento, garantendo il ricambio d’aria tra uno studente e l’altro e assicurando il divieto di assembramento in prossimità della sede d’esame.

Tali disposizioni si applicano anche ai frequentatori dei corsi post-lauream, per le attività pratiche dei quali si applicano le stesse disposizioni previste per i tirocini.

Per quanto riguarda le attività degli specializzandi presso sedi esterne a quelle dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona, anche fuori Regione, queste potranno essere autorizzate dai consigli delle Scuole di Specializzazione, nel rispetto, comunque, di eventuali vincoli alla circolazione che potrebbero essere disposti anche da singole Regioni.

 Informazioni per assegnisti, borsisti, dottorandi

ACCESSO ALLE STRUTTURE UNIVERSITARIE

Assegnisti di ricerca, borsisti, dottorandi e personale a qualsiasi titolo inserito nelle attività di ricerca potrà frequentare le strutture universitarie previa autorizzazione del docente responsabile della ricerca, che dovrà garantire il rispetto delle disposizioni di distanziamento fisico e di adozione delle misure di prevenzione, anche in relazione alla presenza del personale TA e docente. Potranno essere altresì svolte in presenza, con le stesse regole, attività inerenti la tesi di laurea, qualora indispensabile l’accesso alle strutture dell’Ateneo, previa autorizzazione del relatore. Le autorizzazioni dovranno essere comunicate, dai docenti responsabili, ai Direttori di Dipartimento e dei Centri di Ricerca (a tal fine va compilato il Modulo autorizzazione accesso dottorandi, assegnisti, borsisti, altro)

STUDENTI IN MOBILITA' ALL'ESTERO

Posso rimanere all’estero e proseguire la mia esperienza di mobilità?
Posso interrompere la mobilità e rientrare in Italia?
Dove trovo informazioni utili per organizzare il mio rientro in Italia?
Ci sono informazioni in merito a voli speciali di rimpatrio in Italia organizzati dal nostro Governo?
Se decido di rientrare, a chi devo comunicarlo?
Posso rientrare in Italia e continuare a seguire la didattica a distanza offerta dalla sede straniera?
Sono rientrato in Italia ma la sede dove stavo svolgendo la mobilità ha interrotto qualsiasi attività didattica e non offre la possibilità di seguire corsi a distanza. Posso chiudere il periodo di mobilità e frequentare i corsi online offerti da UniVR?
Posso recuperare, in toto o in parte, i costi extra sostenuti per il rientro anticipato?
La mia mobilità non è ancora iniziata: posso ancora partire nel corso del secondo semestre?
Come faccio a mettermi in contatto con gli uffici dell’ateneo se sono chiusi?
Sono in rientro dall’estero. Posso chiedere ad una persona di venirmi a prendere in macchina all’aeroporto, alla stazione ferroviaria o al porto di arrivo?