Info Covid-19

Comunicati e misure di Ateneo
 
comunicato / 12 Gennaio 2022

Aggiornamenti a seguito dei Decreti Legge n.1 del 7/01/2022 e n. 229 del 30/12/2021

A seguito dell’emanazione del Decreto Legge n. 1 del 7 gennaio 2022, “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza COVID-19, in particolare nei luoghi di lavoro, nelle scuole e negli istituti della formazione superiore”, l’Unità di Crisi:

  1. comunica che, a decorrere dal 1° febbraio 2022, sarà in vigore l’obbligo vaccinale per tutto il personale universitario.
    Sulla base della normativa vigente il Rettore, come responsabile dell’Istituzione universitaria, procederà alla immediata verifica di chi non è in regola con tale obbligo invitandolo a produrre la documentazione comprovante l’avvenuta vaccinazione, il possesso dell’esenzione o del differimento della vaccinazione o la prenotazione della stessa. Il mancato rispetto dell’obbligo vaccinale comporterà la sospensione dall’attività lavorativa, senza sanzioni disciplinari e con la conservazione del posto di lavoro. Nel periodo di sospensione, che dura fino alla presentazione di avvio o completamento del processo vaccinale e comunque non oltre il 15 giugno 2022, non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominato.

    L’obbligo vaccinale riguarda: ricercatori di qualsiasi tipologia, professori associati, professori ordinari, dirigenti e personale tecnico-amministrativo.
    Si è in attesa di indicazioni da parte del MUR se l’obbligo vaccinale vada applicato anche ad altre figure, quali ad esempio borsisti, assegnisti di ricerca, dottorandi o professori a contratto.
     
  2. ricorda che per accedere alle strutture universitarie gli studenti, i dipendenti di ditte esterne e tutte le figure che non rientrano nell’obbligo vaccinale sopraindicato, devono essere in possesso della Certificazione Verde “base”, se hanno meno di 50 anni; dal 1° febbraio 2022chi ha compiuto o compirà 50 anni entro il 15 giugno 2022 dovrà essere in possesso di Certificazione verde “rafforzata”. La verifica delle certificazioni continuerà ad essere messa in atto dal personale autorizzato dal Rettore.
  3. ribadisce che gli utenti esterni che vogliano accedere agli spazi universitari per:
    • partecipare agli esami di laurea, esami finali di dottorato, diplomi di specializzazione, esami finali di master e di corsi di perfezionamento;
    • partecipare ad eventi, proiezioni cinematografiche, convegni, mostre o a qualsiasi altra iniziativa aperta al pubblico, sia al chiuso che all’aperto;
    • frequentare le biblioteche universitarie;
    devono possedere, indipendentemente dall’età, la Certificazione Verde “rafforzata” e indossare una mascherina FFP2.
  4. comunica che per lo svolgimento delle attività sportive in ambito universitario devono essere seguite ed applicate le apposite linee-guida predisposte dall’Ateneo.

Resta invariata la possibilità di accesso alle strutture universitarie per chi sia in possesso di esenzione dalla campagna vaccinale secondo quanto stabilito dalla Circolare del Ministero della Salute del 4 Agosto 2021; si conferma, altresì, che le certificazioni di esenzione sono state prorogate fino al 31 gennaio 2022, con Circolare del Ministero della Salute n.59069 del 23/12/2021.

L’Unità di Crisi ricorda il divieto di consumare cibo all’interno degli spazi universitari; tale divieto, già comunicato in relazione ad aule, spazi studio, biblioteche, sale riunioni e laboratori, riguarda anche i coffee break e le pause pranzo organizzate con catering nell’ambito di convegni o eventi.

Inoltre, nel ribadire l’obbligo di indossare la mascherina, all’interno e all’esterno delle strutture universitarie, raccomanda, in considerazione dell’attuale andamento della pandemia COVID-19, l’utilizzo delle mascherine FFP2, in particolare durante gli esami, le lezioni e la permanenza nelle biblioteche.

Per quanto riguarda gli esami di profitto e le sedute di laurea, in linea con la nota MUR del 6 gennaio u.s., “Evoluzione del quadro epidemiologico - svolgimento con modalità a distanza delle prove, delle sedute di laurea e degli esami di profitto, con quanto comunicato il 7 gennaio dal Delegato alla didattica ai Presidenti dei Collegi didattici [allegato 1] e tenendo in considerazione sia le richieste del Consiglio degli Studenti, che dei Presidenti dei Collegi didattici e degli Incaricati di Dipartimento AQ, che la discussione nella riunione del CoReCo del 10 gennaio u.s., l’Unità di Crisi invita i docenti ad una maggiore flessibilità in merito alle modalità di svolgimento (in presenza o a distanza) per i mesi di gennaio e febbraio. Nel prendere in considerazione eventuali modifiche delle modalità di svolgimento degli esami di profitto e/o delle sedute di laurea, precedentemente stabilite, con l’unico obiettivo di garantire la massima sicurezza, è necessario che la programmazione del calendario rimanga comunque invariata per evitare rallentamenti nei percorsi di formazione delle studentesse e degli studenti, a cui si raccomanda di verificare le modalità di svolgimento degli esami nel sistema informativo di Ateneo. Al fine di garantire agli studenti una maggior possibilità di fruire della modalità di esame a distanza, in ragione dell’attuale situazione epidemiologica, l’Unità di Crisi ha, pertanto, modificato il modulo di “Richiesta di esame o sessione di laurea o diploma a distanza”  estendendo la possibilità di chiedere di sostenere gli esami a distanza anche a:

  • studentesse e studenti con gravi e giustificabili motivi di salute legati all’attuale emergenza sanitaria;
  • coloro che risiedono a oltre 80 Km rispetto alla sede didattica del loro Corso di Studio (studentesse e studenti “fuori sede” secondo deliberazione della Giunta Regionale n.809 del 22.06.2021), limitatamente agli esami orali che si terranno nei mesi di gennaio e febbraio. Tale soluzione è volta prioritariamente a tutelare la sicurezza delle studentesse e degli studenti che sono costretti a spostamenti con mezzi di trasporto a lunga percorrenza garantendo allo stesso tempo l'efficace e regolare svolgimento delle prove d'esame.

In merito allo smart working, l’Unità di Crisi informa che la Direzione Generale, nel richiamare la propria comunicazione inviata ai responsabili in data 14 ottobre 2021 (allegato 2) e alla luce della circolare del 5 gennaio u.s. firmata dai ministri per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, e del Lavoro, Andrea Orlando, volta a sensibilizzare le Amministrazioni Pubbliche e i datori di lavoro privati a usare pienamente tutti gli schemi di lavoro agile già presenti all’interno delle rispettive regolazioni contrattuali e normative, sancisce che i singoli responsabili potranno autonomamente organizzare le attività delle proprie strutture, mantenendo, però, invariati i servizi resi all’utenza, riprogrammando il lavoro agile del personale di afferenza con una rotazione dello stesso settimanale, mensile o plurimensile con ampia flessibilità.
Pertanto ciascuna struttura dell’Amministrazione potrà, sino al 31 marzo 2022, equilibrare il rapporto lavoro in presenza/lavoro agile secondo le modalità organizzative più congeniali al proprio contesto organizzativo, tenendo conto come necessario in questo particolare momento dell’andamento epidemiologico e delle contingenze che possono riguardare i propri dipendenti (ad es., quarantene brevi da contatti con soggetti positivi al coronavirus), e quindi il principio di prevalenza del lavoro in presenza fissato dal DM 8 ottobre 2021 potrà essere raggiunto anche nella media della programmazione plurimensile.

Ai sensi del DL 221/21, art. 17, per lavoratori fragili (in possesso di apposita certificazione rilasciata dai competenti organi medico-legali, ivi inclusi i lavoratori in possesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104) permane la possibilità di svolgere la prestazione lavorativa in modalità agile, anche in deroga al principio di prevalenza del lavoro in presenza, previa sottoscrizione di apposito accordo individuale, fino all'adozione di apposito decreto ministeriale e comunque non oltre il 28 febbraio 2022.

Infine, l’Unità di Crisi comunica che, a seguito del DL n. 229 del 33/12/2021 e della Circolare del Ministero della Salute n. 60136 del 30/12/2021, sono state aggiornate le modalità e le durate dell’isolamento a seguito di positività e della quarantena per contatto stretto, sulla base del proprio stato vaccinale.

Si riporta in allegato la Circolare della Regione Veneto del 5 gennaio 2021 che rappresenta graficamente e in modo esplicito le diverse durate dell’isolamento e della quarantena. Alla luce di queste novità, si segnala che non è più richiesta la segnalazione alla Referente Universitaria COVID-19, dott.ssa Debora Brocco (e-mail debora.brocco@univr.it; tel. 045/8027683 opp. 348/7337833), dei casi di contatto stretto con persona positiva, in quanto ciascuno deve comportarsi, secondo gli schemi allegati, in base al proprio stato vaccinale e rivolgendosi al proprio medico di base in caso di dubbi. 

Resta obbligatorio e fondamentale avvisare la Referente Universitaria COVID-19 in caso di positività, al fine di verificare possibili casi di contagio all’interno delle strutture universitarie. Si ricorda che, in ogni caso, le uniche autorità sanitarie che possono disporre isolamenti o quarantene sono i Medici di Medicina Generale, i Pediatri di libera Scelta e i SISP (Servizi di Igiene e Sanità Pubblica). La Referente Universitaria COVID-19 resta, comunque, a disposizione in caso di dubbi o quesiti.

firmato
Unità di Crisi

 


comunicato / 30 dicembre 2021

Aggiornamenti a seguito del Decreto Legge n.221 del 24/12/2021 

A seguito dell’emanazione del Decreto Legge n. 221 del 24 dicembre 2021, che ha prorogato lo stato d’emergenza fino al 31 marzo 2022 stabilendo ulteriori misure per il contenimento della diffusione dell'epidemia da COVID-19, l’Unità di Crisi ribadisce che:
1.    in tutti gli spazi universitari, sia all’interno che all’esterno degli edifici, è sempre obbligatorio l’utilizzo di mascherine almeno di tipo chirurgico.
Eventuali novità riguardanti l’obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie aeree FFP2, in particolari ambiti o per determinate categorie di persone, saranno comunicate successivamente, sulla base dell’evoluzione epidemiologica e delle disposizioni nazionali e regionali;
2.    gli utenti esterni che vogliano accedere agli spazi universitari per:

  • partecipare agli esami di laurea, esami finali di dottorato, diplomi di specializzazione, esami finali di master e di corsi di perfezionamento;
  • partecipare ad eventi, proiezioni cinematografiche, convegni, mostre o a qualsiasi altra iniziativa aperta al pubblico, sia al chiuso che all’aperto; 
  • frequentare le biblioteche universitarie;

devono possedere il green pass “rafforzato”, ottenibile solo a fronte di vaccinazione o di guarigione dalla malattia.
Tale disposizione, oggi prevista dal D.L. n.221/2021, era già stata richiesta dall’Unità di Crisi con comunicato del 03/12/2021. Si ricorda, inoltre, che per attestare il proprio status di lavoratore o studente universitario, ai fini del controllo del green pass “base”, si dovrà esibire anche il proprio tesserino universitario (anche telematico);
3.    è vietato consumare cibo all’interno degli spazi universitari; tale divieto, già comunicato in relazione ad aule, spazi studio, biblioteche, sale riunioni e laboratori, riguarda anche i coffee break e le pause pranzo organizzate con catering nell’ambito di convegni o eventi.

L’Unità di Crisi, in considerazione del fatto che il nuovo decreto legge, in combinato con la Circolare del Ministero della Salute n. 59207 del 24/12/2021, stabilisce un’ulteriore riduzione della validità del Green Pass da 9 a 6 mesi, a partire dal 1° febbraio 2022, ma anche, dal 10/01/2022, la possibilità di effettuare la dose booster a partire dai 4 mesi dal completamento del ciclo primario o dall’ultimo evento*,  ricorda che è possibile per tutte/i (anche non residenti in Veneto) prenotarsi per la dose di richiamo (terza dose/dose booster), presso l’Ospedale B.go Trento o il Policlinico B.go Roma, al link zero coda (http://intranet-aouiverona.zerocoda.it/).


[ * NOTA: Per ultimo evento si intende la somministrazione dell’unica/ultima dose o la diagnosi di avvenuta infezione, in caso di soggetti vaccinati prima o dopo un’infezione da SARS-CoV-2]


Resta invariata la possibilità di accesso alle strutture universitarie per chi sia in possesso di esenzione dalla campagna vaccinale secondo quanto stabilito dalla Circolare del Ministero della Salute del 4 Agosto 2021; si conferma, altresì, che le certificazioni di esenzione sono state prorogate fino al 31 gennaio 2022, con Circolare del Ministero della Salute n.59069 del 23/12/2021. Si raccomanda, tuttavia, in particolare alle persone non vaccinate per motivi di salute, il rispetto di tutte le misure di prevenzione quali: utilizzo della mascherina, igiene delle mani, igiene respiratoria, distanza interpersonale e aerazione frequente degli ambienti chiusi.

firmato
Unità di Crisi
 

 
CRFV Veneto

VIGICOVID

Aiutaci a monitorare la sicurezza dei vaccini anti-COVID19.

Segnala una reazione avversa ›


Con VIGICOVID è possibile segnalare l’effetto nocivo o non voluto insorto, della vaccinazione anti-COVID19, anche relativa a soggetto diverso rispetto al segnalatore. Le segnalazioni effettuate saranno trasferite automaticamente nella Rete Nazionale di Farmacovigilanza dell'Agenzia Italiana del Farmaco per le opportune analisi.

Per maggiori informazioni è possibile contattare i Responsabili di Farmacovigilanza del Veneto

© Università di Verona - Centro Regionale di Farmacovigilanza del Veneto.

12 gennaio 2022 Aggiornamenti a seguito del Decreto Legge n.221 del 24/12/2021 
30 dicembre 2021 Aggiornamenti a seguito del Decreto Legge n.221 del 24/12/2021 
9 dicembre 2021 Reintroduzione del divieto del consumo di cibo
3 dicembre 2021 Provvedimenti a seguito del Decreto Legge n.172 del 26/11/2021 e in materia di smart working in caso di quarantena propria o dei figli minori di 14 anni o disabili
30 novembre 2021 Possibilità di vaccinazione presso AOUI per chi opera in ambito sanitario e nelle sedi delle Aziende Sanitarie Locali per tutti i maggiorenni
18 novembre 2021 Nuove comunicazioni in merito ai vaccini
2 novembre 2021 Richiamo vaccino anti Covid-19
14 ottobre 2021 Modalità di rientro al 100%
7 ottobre 2021 Comunicato dell’Unità di Crisi del 7 Ottobre 2021 
29 settembre 2021 Vaccination Day - 6 ottobre
27 settembre 2021 Possibilità di seconda dose di vaccino per chi ha contratto un’infezione da SARS-CoV-2 successivamente alla somministrazione della prima dose di un vaccino con schedula vaccinale a due dosi.
26 agosto 2021Modalità di accesso alle strutture universitarie con Certificazione verde COVID-19
17 agosto 2021 Obbligo di Green Pass per le attività all'interno dell'università
30 luglio 2021 Certificazione verde Covid-19
14 giugno 2021 Collocazione della Regione veneto in “Zona Bianca”

Misure igieniche