Agenzia di stampa Univerona News

Contatti 

Ufficio Stampa e Comunicazione Istituzionale
Area Comunicazione
 

 

 
045 802 8015-8717
335 1593262

 
ufficio.stampa@ateneo.univr.it

Univrmagazine.it

Il magazine dell'università di Verona curato dalla redazione di Univerona News www.univrmagazine.it
angle-left Inaugurazione anno accademico 2019.2020. Ospite l’ingegner Piero Ferrari L'Ateneo apre le porte a un mito della Contemporaneità - 23.01.2020

Venerdì 7 febbraio, ore 11, aula magna del Polo Zanotto, viale dell’Università 4

 Un ateneo dinamico che corre veloce verso il futuro. L’università di Verona per l’inaugurazione del 37esimo anno accademico avrà come ospite d’onore un mito della contemporaneità, simbolo dell’eccellenza italiana nel mondo e dell’innovazione tecnologica. Sarà, infatti, l’ingegner Piero Ferrari, vice presidente della Casa automobilistica di Maranello, fondata dal padre Enzo, ospite d’onore dell’inaugurazione che si celebrerà venerdì 7 febbraio 2020, alle 11, nell’aula magna del Polo Zanotto.

Il magnifico rettore Pier Francesco Nocini, in carica dal 1 ottobre 2019, per la sua prima inaugurazione alla guida dell’ateneo scaligero, ha voluto, dunque, un ospite d’eccezione, testimonial di valori come tradizione e innovazione, passione ed eccellenza, tipici della Casa automobilistica modenese, che ben si addicono anche all’ateneo di Verona.

La cerimonia si aprirà con la relazione del magnifico rettore, che dichiarerà aperto il nuovo anno accademico. Come da tradizione accademica il coro universitario, diretto dal maestro Marcello Rossi Corradini, eseguirà il Gaudeamus Igitur. Dopo i saluti dei rappresentanti del corpo studentesco e del personale tecnico amministrativo, il giornalista Pino Allievi dialogherà con il magnifico rettore e con l’ingegner Ferrari. La cerimonia si chiuderà con l’intervento del coro degli alpini “La Preara”.

Per l’occasione, nello spazio esterno davanti al Polo Zanotto, saranno esposte due delle più recenti creazioni della casa automobilistica del Cavallino: la Ferrari Portofino e la Ferrari F8 Tributo. Un’opportunità unica di vedere da vicino due autovetture già divenute iconiche, per il loro design accattivante e moderno e l’utilizzo della più avanzata tecnologia.

“La nostra comunità accademica, rinnovata nella sua Governance, si riunisce per la prima volta in un momento simbolico molto importante, quello dell’inaugurazione dell’anno accademico. Il magnifico rettore e l’intera Governance, tutto il personale docente e tecnico-amministrativo e il corpo studentesco dell’università si mettono in gioco per instaurare un proficuo e stimolante dialogo con la città ed il contesto sociale di riferimento”, dichiara Pier Francesco Nocini. “Per la mia prima inaugurazione come rettore ho voluto invitare come ospite d’onore l’ingegner Piero Ferrari, testimonial di valori in cui l’ateneo si riconosce come innovazione e ricerca dell’eccellenza, ma anche sostenibilità, come dimostra l’impegno della Casa automobilistica Ferrari nella responsabilità ambientale, nello sviluppo sostenibile e nel benessere psicofisico delle persone”.

“Ringrazio il magnifico rettore e il corpo docente di avermi chiamato all’inaugurazione del nuovo anno accademico. È un onore per me poter portare il mio personale messaggio agli studenti”, dichiara Piero Ferrari. “Non voglio dare loro facili formule e soluzioni, perché i giovani di oggi sanno trovare gli strumenti più giusti per il loro futuro. Mi sento piuttosto di incoraggiarli. Ho grande fiducia nelle loro capacità, che meritano più spazi e occasioni per esprimersi”.

Piero Ferrari è vice presidente di Ferrari Spa dal 1988. Figlio del fondatore di Ferrari, Enzo, Piero Ferrari ha fatto il suo ingresso in azienda nel 1965 ricoprendo numerosi ruoli dirigenziali nell'area sportiva di Ferrari dal 1970 al 1988, con responsabilità sempre maggiori. È anche fondatore della High Performance Engineering, oggi HPE Coxa, un'azienda di progettazione ingegneristica volta a studiare soluzioni tecniche avanzate per la progettazione, calcolo e produzione di componenti per motori ad alte prestazioni. Ha ricevuto due lauree honoris causa in Ingegneria aerospaziale e Ingegneria meccanica. È stato insignito delle onorificenze di Cavaliere del Lavoro e dell’Ordine al merito della Repubblica italiana.