Laurea magistrale in Scienze pedagogiche

Sede del corso: VERONA

CARATTERISTICHE E FINALITÀ
Il corso offre una preparazione avanzata nell'ambito delle molteplici attività educative in cui sia richiesta la presenza di un professionista, esperto in problematiche di natura pedagogica o in possesso di una specifica competenza nel coordinamento e nella gestione di servizi educativi.
Il laureato magistrale potrà operare sia in un contesto educativo in cui siano richieste competenze di consulenza pedagogica (analisi, progettazione, azione, valutazione, ricerca e formazione) sia nel contesto dell'organizzazione e del coordinamento di servizi educativi. 
Tali competenze sono raggiunte attraverso insegnamenti pedagogici con un forte carattere interdisciplinare, articolati secondo finalità di carattere metodologico, epistemologico e riflessivo.
A supporto della didattica tradizionale, il corso prevede un tirocinio obbligatorio e la presenza di alcune attività di laboratorio, a scelta, collegate a singoli insegnamenti.

AMBITI LAVORATIVI
Il corso prepara all'acquisizione del profilo professionale del/della pedagogista, come definito dalla Legge n. 205, 27/12/2017, Commi 594-601. Il corso forma figure professionali competenti nel campo della consulenza pedagogica e del coordinamento e della gestione di servizi che “operano nei servizi e nei presidi socio‐educativi e socio‐assistenziali, nei confronti di persone di ogni età, prioritariamente nei seguenti ambiti: educativo e formativo; scolastico; socio‐assistenziale, limitatamente agli aspetti socio‐educativi; della genitorialità e della famiglia; culturale; giudiziario; ambientale; sportivo e motorio; dell'integrazione e della cooperazione internazionale”. 
Possibili sbocchi lavorativi sono nell'ambito delle realtà pubbliche, private o del privato sociale e della libera professione. È possibile, anche, diventare insegnanti nella scuola secondaria di II grado (classe A018 – Filosofia e Scienze Umane) previo completamento del percorso di ammissione all'insegnamento.

DALLA TRIENNALE ALLA MAGISTRALE
Per accedere al corso è richiesta un'adeguata preparazione nell'ambito delle aree disciplinari caratterizzanti il percorso formativo: area pedagogica, psicologica, filosofica, sociologica. In particolare è richiesto il possesso di 60 crediti formativi universitari nei seguenti settori disciplinari qualificanti: M-PED, M-PSI, M-FIL e SPS (da SPS/07, SPS/08,SPS/09, SPS/10, SPS/11 e SPS/12), di cui almeno 9 cfu di area pedagogica. È richiesta la conoscenza di una lingua straniera con certificazione B1 o superiore, e documentate competenze informatiche. Il corso di laurea è ad accesso programmato a livello locale e prevede un test.

Il corso di studio prevede la possibilità di svolgere periodi all'estero attraverso il programma Erasmus e i progetti di tirocinio.

Per informazioni complete sul Corso di Studio è possibile consultare la Scheda Unica Annuale (SUA-CdS), pubblicata nella sezione "Documenti". La SUA-CdS contiene quattro sezioni pubbliche: Presentazione, Obiettivi della formazione, Esperienza dello studente, Risultati della formazione."

--------------------------------------------------------
LINEE GUIDA per gli studenti iscritti al CdS di Scienze Pedagogiche:
1) Documento informativo sulla riorganizzazione delle TESI DI LAUREA

Obiettivi formativi
Sbocchi professionali

Data prova ammissione

10 settembre 2018

Contributo per l'ammissione al concorso

Euro 50,00

Documenti e Bando

Bando e allegati
Referente del corso
Antonietta De Vita
Classi di laurea:
LM-85 - Classe delle lauree magistrali in scienze pedagogiche
Durata
2 anni
Accesso
programmato
Lingua
italiano
Gestione didattica
Didattica e Studenti Scienze Umane
PRIMA RATA:
335 euro
Per determinare l'importo della seconda e terza rata si veda il Regolamento in materia di contribuzione studentesca pubblicato al sito www.univr.it/benefici
ISCRIVITI
Posti disponibili:
n. 95 posti per cittadini comunitari e non comunitari legalmente soggiornanti in Italia;
n. 5 posti per cittadini non comunitari non compresi nella legge n. 189/2002, art. 26.