Home

Dottorato Internazionale in Arti e Archeologia

Gestione didattica
Unità operativa Dottorati di Ricerca
Gestione carriera studenti
Unità operativa Dottorati di Ricerca

Durata
4 anni
Classe di appartenenza
DOTTORATI - Classe per i Corsi di Dottorato (Ateneo)
Organo di controllo
Collegio dei Docenti del Dottorato Internazionale in Arti e Archeologia
Informazioni
Segreteria Scuola di Dottorato di Scienze Umanistiche
Tipo
Dottorati di ricerca
Sede
VERONA
Scuola di Dottorato
Scienze Umanistiche
Dipartimento di riferimento
Culture e Civiltà
Macro area
Scienze Umanistiche

Obiettivi formativi

Il corso dottorale è un percorso formativo volto a offrire ai propri studenti tutte le opportunità e le esperienze di ricerca maturate nel tempo dalle due Università, che hanno tradizioni di studi differenti, ma complementari.  L’obiettivo è quello di metterli in grado di dare con la loro tesi di dottorato un contributo originale alla conoscenza e allo sviluppo delle ricerche nel tema specifico da loro affrontato. Essi devono saper correlare le proprie indagini particolari a un quadro di studi e problemi di più ampio respiro, presentando i risultati della loro ricerca con sicura consapevolezza critica e con rigore metodologico. Agli studenti dottorali è richiesto un approccio scientifico verso l’oggetto delle loro ricerche, considerandolo da molteplici punti di vista; al fine di migliorare ed espandere le conoscenze nell’ambito dei beni culturali essi devono essere messi in grado di conoscere e applicare le metodologie più aggiornate, di usare gli strumenti più adeguati alle finalità della ricerca, sapendo valutare l’affidabilità e il significato dei risultati, anche grazie ad un approccio comparativo. Gli studenti devono essere in grado di usare, laddove richiesto, differenti metodi e di saperne combinare proficuamente gli esiti.
I prodotti delle ricerche dottorali possono consistere nella sola tesi o, se sarà il caso, in una combinazione tra questa e documenti o prodotti informatici, quali data base, siti internet, documenti tridimensionali o altro.
Gli studenti devono essere informati della varietà di metodi e dei quadri teorici e storici grazie ai quali la ricerca che hanno scelto può essere affrontata e organizzata. Essi devono essere in grado di scegliere, leggere e capire tutti i documenti storici e artistici disponibili e i testi relativi alla loro tesi. Tutti gli approcci all’arte e all’archeologia non dovranno essere puramente descrittivi, ma, prima di tutto, concepiti all’interno di un quadro storico e debbono, auspicabilmente, anche produrre una migliore conoscenza storica del periodo preso in esame.
Inoltre, gli studenti devono essere consapevoli del possibile valore professionale ed anche commerciale dei documenti e dei monumenti studiati. Devono conoscere cosa la normativa e le disposizioni di legge prevedono per lo studio, l’eventuale pubblicazione e gli altri usi dell’oggetto della tesi stessa. Gli studenti sono anche incoraggiati e supportati a sviluppare o migliorare metodologie, quadri teorici, nuove possibilità educative, forme di conservazione e altre possibili vie per conoscere e usare i beni culturali.
Gli studenti devono anche conoscere e usare in modo appropriato la terminologia specifica del loro ambito di ricerca. Devono anche essere in grado di leggere, capire e valutare la bibliografia moderna di loro interesse, anche se scritta in varie lingue europee, quali l’Inglese, L’Italiano, l’Olandese, il Francese, il Tedesco e lo Spagnolo.
Ci si attende che gli studenti dimostrino una abilità personale nel valutare la correttezza e il peso scientifico dei precedenti approcci al tema, e nel creare le proprie e originali vie di ricerca all’interno della tematica scelta.
In riferimento ai due curricula, saranno oggetto di studio lo spazio geografico e ambientale europeo e il patrimonio culturale ad esso associato nelle varie forme della produzione archeologica, artistica e dello spettacolo.
Gli studenti di archeologia devono anche essere esercitati nel condurre ricerche sul campo, quali attività di scavo, prospezioni geofisiche e altre forme di archeologia predittiva prima dello scavo, e nel considerare la documentazione di scavo e i diversi reperti. La foto aerea, le immagini satellitari, i modelli tridimensionali, sia di un’area che di un reperto, sono mezzi per riconoscere tracce e resti di attività umane in una certa zona, e gli studenti devono essere introdotti ed esercitati a tali forme di studio, laddove esse sono utili per la tesi prescelta.
Gli studenti di storia dell’arte devono essere esercitati nelle metodologie specifiche della disciplina, con attenzione allargata anche ai contesti di produzione e recezione delle opere, e devono essere introdotti alle procedure museali, quali la conservazione, la catalogazione e l’inventariazione degli oggetti d’arte, la gestione delle attività museali, la preparazione e l’elaborazione di progetti espositivi.
Per gli studenti di entrambi i curricula sarà dedicato spazio adeguato agli aspetti della conservazione e valorizzazione dei beni culturali, ambito che può offrire possibilità di sbocchi professionali.



© 2002 - 2017  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  Partita IVA 01541040232  |  Codice Fiscale 93009870234
Credits